giovedì, dicembre 29, 2005

Google processato per il suo Google Talk

E' di oggi la notizia riportata dal più autorevole quotidiano del mondo, il londinese Times, riguardo un processo che coinvolgerà Google.
L'accusa è di patent infringement, praticamente l'uso di un brevetto di cui non si detiene la proprietà.
La disputa è sorta a causa del Google Talk, il sistema gratuito di telefonia via internet lanciato dalla casa della grande "G". Di seguito l'articolo completo.


Google sued over Talk patents
By Rhys Blakely

Google is being sued for patent infringement over Google Talk, its free internet telephony system. If successful, the action could lead to Google’s high-profile foray into communications being shut down.

Rates Technology Inc (RTI) has brought a case against Google in New York. The patent-holding company claims that two of its patents, dating back to 1991 and 1995, have been infringed. Both relate to technology designed to minimising the cost of calls over the internet.
RTI has demanded damages and court costs, and an injunction to prevent Google using the technology.

Google’s recent deal to buy a 5 per cent stake in AOL for $1 billion could help it sidestep the litigation. Under the terms of the AOL deal, Google Talk users will be able to talk to users of AOL’s TotalTalk system. Analysts noted that Google may also be able to licence AOL’s VoIP (voice over internet protocol) technology.

However, the case will still be an unwelcome distraction for Google. The internet search and advertising company introduced its instant voice and text messaging system in August under the strapline: "They say talk is cheap. Google thinks it should be free". The launch was widely seen as opening an important market for Google. The company could ultimately compete with traditional telecoms groups such as BT, as well as cable and satellite broadcasters, as consumers look to buy television, internet and telephone services in "triple play" bundles from a single vendor.

Google Talk allows users to hold voice conversations with other computer users. It is based on VoIP software, which allows users to make voice calls through their computers and over the internet at a fraction of the cost of traditional services. One of the pioneer companies in this field, Skype, was recently bought by eBay for more than $2.5 billion.
Google's system has been restricted to those who sign up for the company's e-mail service, which was also the subject of a legal wrangle earlier this year. Google was forced to rename the service "Google Mail" in Britain after another company claimed copyright over "Gmail".
According to documents related to the patent case posted online by Search Engine Watch, the blog that first reported the case, a court hearing is to be held on February 3.
In March, The US Court of Appeals for the Federal Circuit affirmed a decision that dismissed a patent infringement action brought by RTI against Nortel Networks.

posted by Andrea Signori @ 29.12.05   0 comments

L’italiano è tecnologico ma ama poco il computer

Da Il Giornale di ieri 28 dicembre 2005 riporto un'indagine chiamata "Aspetti della vita quotidiana", condotta dall'Istituto nazionale di statistica su un campione di circa 20mila famiglie, ovvero un totale di 55mila persone.
L'indagine, definita «multiscopo», rileva i comportamenti e alcuni aspetti specifici della vita quotidiana degli famiglie italiane, in particolar modo la disponibilità e l'utilizzo delle tecnologie dell'informazione. Secondo l'Istat negli ultimi 8 anni gli italiani sono diventati sempre più tecnologici, riuscendo a colmare anche il divario territoriale tra Nord e Sud del Paese. Sono cresciuti gli utilizzi del telefono cellulare (dal 27,3% nel 1997 all'80,8% nel 2005), e dell'antenna parabolica (dal 12,2% nel 1997 al 23,6 nel 2005). Aumenta anche l'utilizzo del computer, dal 16,7% nel 1997 al 43,9% nell'anno in corso. Ma rimangono ancora senza computer a casa oltre la metà degli italiani,ossia il 56,1%. E un numero ancora maggiore non accede a Internet (65,5%). Tra le motivazioni per cui non si naviga sul Web da casa, gli intervistati indicano innanzitutto uno scarso interesse (il 40,4% lo considera «inutile e non interessante»), mentre al secondo posto si colloca la mancanza di capacità (31,2%) e i rimanenti o vi accedono da altro luogo, oppure ritengono «costosi gli strumenti necessari per connettersi o il collegamento».Gli utilizzatori di computer diventano sempre più giovani: quasi il 40% dei bambini che ha almeno 3 anni usa regolarmente il pc, mentre il 31,8% delle persone dai 6 anni in su naviga su Internet. Tra la metà degli italiani che usa il computer il picco di utilizzo, con il 75%, si ha tra gli 11 e i 19 anni e per Internet tra i 15 e i 24 anni, per poi decrescere rapidamente con l'aumentare dell'età. Le differenze di genere sono influenzate dall'età, ma rimangono comunque contenute fino ai 34 anni: per esempio usano il computer il 54,5% delle bambine tra i sei e i dieci anni ma solo il 16, 2% delle donne di età compresa tra i 55-59 anni contro il 33,7% dei loro coetanei uomini. Le famiglie con un minorenne sono le più tecnologiche mentre all'estremo opposto si collocano le famiglie composte di soli anziani, che continuano a esser praticamente escluse dalla tecnologia. In pratica: incidono sull'uso dell'hi-tech non solo l'età dei componenti delle famiglie ma anche le differenze culturali ed economiche presenti tra gli intervistati. Anche se l'ingresso degli italiani nell'era tecnologica è ormai inesorabile.

posted by Andrea Signori @ 29.12.05   0 comments

mercoledì, dicembre 28, 2005

Advertising outdoor interattivo di Playboy

Il genio di Hugh Hefner nel promuovere la sua "creatura" Playboy è oramai cosa nota, tanto che anche le sede tedesca della sua rivista, Playboy.de, ha deciso di scrivere un nuovo capitolo nel mondo della pubblicità con il primo esempio di pubblicità outdoor interattiva in Europa.
A mio avviso, il vero genio in questo caso, è stato il copywriter; leggete infatti il claim nella parte alta della pubblicità.
Il risultato è assolutamente eccezionale.

posted by Andrea Signori @ 28.12.05   0 comments

Pubblicità subliminale

La passione che chi come noi che lavoriamo nel mondo della comunicazione nutre verso le pubblicità creative è accertata.
Il trovarsi di fronte, quindi, pubblicità come quella che segue, con un visual di chiara estrazione sessuale per richiamare dei prodotti in pelle è a mio avviso la quintessenza della nostra professione.

Pubblicità cartacea della Francesco Biasia società di pellame e borse.

posted by Andrea Signori @ 28.12.05   0 comments

martedì, dicembre 27, 2005

Xmas Advertising


La guerra tra le più grandi beverage company mondiali, soprattutto durante le festività, si sa essere senza esclusioni di colpi, andando a scovare i migliori e più geniali pubblicitari.
Priva di testo ma di grande visual è la campagna sviluppata da BBDO Canada per Pepsi.

posted by Andrea Signori @ 27.12.05   0 comments

giovedì, dicembre 22, 2005

Indagine AbSolit Dr.Schwarz sull'e-mail marketing

La Absolit Dr. Schwarz Consulting, una delle più autorevoli società di ricerca nel campo del marketing online, ha da poco diffuso un’analisi dei principali software di e-mail marketing presenti sul mercato mondiale. Tale studio nasce dalla constatazione che i vari canali del digitale tendono ad integrarsi sempre più e le scelte di marketing strategico si focalizzano su soluzioni tecniche performanti e flessibili. I risultati sono stati ottenuti confrontando le caratteristiche delle diverse piattaforme secondo sei voci particolarmente importanti per quanto riguarda il funzionamento e l’utilizzo della tecnologia per l’e-mail marketing: Addresses, Marketing, Design, One-to-one, Send-out, Connection.
Si sono quindi messe a confronto le tecnologie inserendole all’interno di alcuni grafici che prendono in considerazione l’intero processo di invio di e-mail, dall’amministrazione del database alla personalizzazione della pubblicità, senza tralasciare i principali parametri di valutazione delle campagne. Ne è risultato che l’amministrazione del database dei clienti è la chiave per un marketing di successo e che fra tutti i sistemi testati la tecnologia eCircle mostra performance adeguate in tutti i parametri considerati. Passando ad analizzare i risultati ottenuti in relazione a ciascun criterio di valutazione, per gli Addresses risulta che una corretta amministrazione dei propri database e un’analisi dettagliata degli invii eseguiti consente di poter valutare nel modo migliore i risultati.
Per il Marketing, una gestione completa delle campagne pubblicitarie veicolate via e-mail e reporting accurato dei risultati sono elementi fondamentali per valutare l’andamento e i
risultati di una campagna. La possibilità di creare e visualizzare contenuti e template con un Design creativo e particolare è alla base per una comunicazione vincente.
L’attenzione per il marketing One-to-one negli ultimi tre anni è finalmente cresciuta.

posted by Andrea Signori @ 22.12.05   0 comments

Campagna viral di Kenwood per Natale

L'immagine di Babbo Natale? Passata. Uomo panciuto che rabbonisce il mondo con la gioia e la piacevolezza? Andata. In un'era sempre più tecnologica anche lui cambia; ma non come sono soliti dipengerlo alcuni giornalisti privi di fantasia che lo vedono mollare le renne per un mezzo più veloce oppure bere Coca Cola mentre distribuisce i regali. Grazie a Kenwood,dopo aver provato il nuovo Music Player Kenwood, il vecchietto oramai pluri centenario cambia radicalmente stile di vita contagiato da questa nuova musica; a fuoco la casa, liberate le renne, diventa un punk-rock metropolitano.
Questo il nuovo divertente video diffuso in rete dall’azienda produttrice di device musicali e scaricabile all’indirizzo http://movies.kenwood.it. Anche questa volta Kenwood, in occasione
del Natale, ha deciso di affdare la comunicazione del proprio marchio e dei propri prodotti ad una campagna di viral marketing: il filmato, è disponibile gratuitamente su internet, e chiunque può scaricarlo ed inviarlo ad amici, creando l’atteso effetto passaparola alla base del viral marketing. Il filmato è curato da Veryweb, web agency specializzata in viral web marketing.

posted by Andrea Signori @ 22.12.05   0 comments

Advergame per il nuovo film di Pieraccioni

E' oramai consolidata la moda di lanciare un sito viral o un gioco per il lancio di qualche prodotto. Ultimo esempio è il nuovo advergame realizzato per promuovere l’ultimo film di Leonardo Pieraccioni “Ti amo in tutte le lingue del mondo”, nelle sale dal 16 dicembre.
Il gioco è disponibile su Ludolab portale di Flash Game realizzato da Medita, oltre che sul sito web ufficiale del film, all’indirizzo www.tiamointuttelelinguedelmondo. it. L’obiettivo del gioco
è guidare Paolina, giovane protagonista del film, tra i corridoi della scuola e aiutarla a trovare i diversi pezzi che compongono il messaggio d’amore, scritto in una delle “lingue del mondo”, per poi consegnarlo al suo “adorato” professore di educazione fisica (Pieraccioni). Il giocatore, oltre
a raccogliere bonus punti e bonus vita, deve evitare gli ostacoli che il percorso presenta: i bulli della scuola che lanciano lo yo-yo o si divertono con fionda e cerbottana, il bidello (Panariello) che pulisce i corridoi e il preside (Guccini) che vigila con sguardo minaccioso.

posted by Andrea Signori @ 22.12.05   0 comments

In store merchandising

Finalmente alcuni marketer hanno scoperto un "nuovo" canale di vendita: i distributori di carburanti. Come è possibile che le capacità di selling di questo canale siano state ignorate per così tanto tempo? E’ avvenuta ieri l’inaugurazione del primo “Juventus Point” a Torino, nato dalla partnership tra Tamoil e Juventus Football Club. Il punto vendita, offre la possibilità agli automobolisti di acquistare prodotti della squadra zebrata durante la sosta per il rifornimento. La partnership prevede l’apertura di altri venti punti vendita su tutto il territorio nazionale. Per la prima volta una squadra di calcio, in virtù della sponsorizzazione in atto in ambito calcistico tra le due società, si lega alla rete distributiva di un gruppo petrolifero per la diffusione del proprio merchandising. “Juventus Point” è difatti un’importante offerta per tutti i tifosi bianconeri che, con il quotidiano gesto del rifornimento presso le stazioni di servizio Tamoil allestite, potranno così trovare i prodotti uffciali della loro squadra.

A quando una politica del genere anche per altri ambiti al di fuori di quello calcistico?

posted by Andrea Signori @ 22.12.05   0 comments

mercoledì, dicembre 21, 2005

Pubblicità innovativa per Saatchi & Saatchi Poland


Saatchi&Saatchi si sa è una fucina di idee innovative in tutti gli ambiti dell'advertising ma la campagna realiazzata dalla sezione polacca dell'agenzia per Amnesty International è davvero innovativa. Il titolo della campagna è "Keep your mouth shut".

posted by Andrea Signori @ 21.12.05   0 comments

Gioco no politically correct per Natale

Alzi la mano chi non è infastidito dalle grida dei bambini, che la notte della vigilia di Natale iniziano già dalle 21.00 ad urlare per aprire i regali.
Bene, proprio per tutti noi che, simpaticamente (!?!), vogliamo vendicarci di cotanta confusione, la T-viral ha realizzato Brat invasion.
Scopo del gioco fermare i bambini prima che arrivino a scartare i regali. Fermarli....non importa come.

posted by Andrea Signori @ 21.12.05   2 comments

martedì, dicembre 20, 2005

Caccia alle Sfere; advergame virale per la Honda Civic

IconMedialab ha ideato e sviluppato per Honda Automobili Italia “Caccia alle Sfere”, l’advergame a premi che, dal 5 dicembre al 5 febbrai 2006 dovrà lanciare la nuova Honda Civic. Il gioco ha per protagonista la Sfera della Nuova Civic, l’elemento che caratterizzerà tutta la comunicazione realizzata per il lancio della vettura Honda e che costituisce l’essenza – simbolo di tutte le prerogative della nuova Honda Civic. Gli utenti, dopo essersi registrati su www.cacciaallesfere.com, devono trovare le Sfere di Honda Nuova Civic su internet. Esse corrispondono ai vari formati pubblicitari, pianificati sui principali portali italiani: ogni click su un banner equivale a catturare una Sfera, che può essere passata ad un amico per invitarlo al gioco, o collezionata per realizzare la combinazione vincente dei cinque elementi distintivi della Nuova Civic 06: velocità, potenza, tecnologia, innovazione e grinta. Per ogni amico iscritto e combinazione raggiunta, ai giocatori vengono accreditati bonus di punti, con la possibilità di scalare la classifica e concorrere alle estrazioni dei premi. Inoltre, al momento dell’iscrizione, ogni giocatore partecipa all’istant win di un credito musicale pari a 10 download di musica da Msn Music. Sono previste due estrazioni: la prima il 22 dicembre 2006, in cui verranno attribuiti i crediti musicali da 50 download, e la seconda a febbraio, in cui saranno assegnati gli altri premi messi in palio per questa iniziativa.

posted by Andrea Signori @ 20.12.05   0 comments

Indagine AdEx su investimenti sul web

Quest'anno il web continua nella sua crescita; infatti sono stati resi noti i dati AdEx (la stima degli investimenti pubblicitari netti) nei primi dieci mesi dell’anno. Secondo le rilevazioni Nielsen Media Research, in collaborazione con Iab Italia e AssoInternet, gli investimenti pubblicitari sul web sono stati pari a 102,3 milioni di euro (+15% sul 2004). Un settore che prosegue la sua crescita. In riferimento a tutti i mezzi, gli investimenti nel periodo hanno superato 6.780 milioni di euro con una crescita del +2,5% sul corrispondente periodo dell’anno scorso e del +3,1% sul mese.
La spesa dei cinque settori più importanti ha andamenti disomogenei: alimentari -0,4%, auto
+1,9%, Tlc +10,6%, bevande/alcoolici -10,2% e media/editoria +1,5 per cento. La classifica dei Top spender vede ai primi posti: Unilever, Ferrero, P&G, Vodafone e Tim. La televisione chiude
il mese di ottobre a +3,4 punti. Il totale stampa segna sul mese un +4,1 per cento. La radio fa registrare il -0,4% sull’anno in corso, ma in ottobre presenta un valore positivo (+2,6%). In calo, infine, affissioni e radio, rispettivamente del 2,6% e 7,7 per cento.

posted by Andrea Signori @ 20.12.05   0 comments

Gli “speakage” all’interno di Microsoft.it

Microsoft.it ha inaugurato la nuova area dell’editoriale mensile utilizzando la tecnologia offerta da Speakage che aggiunge il sottofondo parlato alle pagine web. Microsoft Italia ha implementato i servizi di Speakage per dare personalità alle pagine web e per comunicare meglio con i propri
utenti. Accedendo alla pagina del nuovo editoriale http://www.microsoft.it/editoriale/ l’utente viene accolto da una voce che comunica con l’utente in modo semplice e diretto, per informarlo
sulle novità del mese e guidarlo nella navigazione sul sito.

posted by Andrea Signori @ 20.12.05   0 comments

Motore di ricerca "governativo" dal Giappone

Il Giappone ha lanciato il suo personale motore di ricerca, con l’intervento pubblico a fare da traino a un progetto formato dal meglio del mondo universitario, dei big dell’elettronica e dell’establishment della tv pubblica.
L’annuncio del nuovo motore sponsorizzato e finanziato dal governo di un paese (novità nel suo genere) è arrivato in questi giorni. La ricerca di informazione su internet è diventata un business miliardario, quindi anche gli organi governativi iniziano a sondare il terreno in periodi, come l'attuale, di recessione economica mondiale. Questo progetto è nato da una chiara volontà del governo del Sol Levante di scendere sul terreno "di battaglia" virtuale della rete dominato da forze straniere. Una chiara sfida a Google insomma. Il progetto partirà dalla fine di dicembre 2005 formato da "cervelli" del locale Ministero dell'Industria, e da una ventina di enti e società,
tra cui le università più prestigiose del Paese, colossi dell’elettronica e la rete tv pubblica Nhk.

posted by Andrea Signori @ 20.12.05   0 comments

Indagine italiani e auguri: nuovi trend

Si avvicina Natale, tempo di auguri, ma in che modo gli italiani li faranno pervenire ai loro cari? Secondo un’indagine InSintesi/TNS Infratest, il 96% lo farà attraverso un mezzo di comunicazione, il rimanente 4% lo farà solo di persona; la media degli italiani indica che la maggior parte degli auguri sarà effettuata telefonicamente, seguita dagli sms e dalle cartoline/lettere, mentre quasi nessuno utilizzerà gli mms e le video chiamate. Mezzi diversi a seconda del destinatario, come si evince dalla ricerca. Per fare gli auguri a parenti e familiari, secondo le risposte degli intervistati, i telefoni hanno il 72% delle preferenze, seguono le lettere/cartoline con l’11%, gli sms 10%, mms e e-mail solo 1%.
Per farli invece agli amici diminuisce l’uso del telefono (61%), aumenta decisamente l’uso degli
sms 24%, diminuisce l’uso della posta con il 6%, aumenta l’uso delle e-mail 3% e scompaiono gli
mms. Infine, per fare gli auguri ai colleghi, cala ulteriormente l’uso del telefono (44%), resta alto l’uso degli sms con il 18%; in questo caso la posta elettronica supera le cartoline con rispettivamente 4% contro 3%; gli mms solo l’1%.
Concludendo, facendo una media, l’80% degli italiani userà il telefono per i suoi auguri, il 32% gli
sms e il 13% la posta, mentre solol’1% utilizzerà gli mms.

posted by Andrea Signori @ 20.12.05   1 comments

Business tool di Yahoo

Le comparative online fra prodotti diversi piacciono ai consumatori, ma secondo Yahoo rappresentano anche una nuova frontiera per gli inserzionisti, con conseguenze immediate su budget e campagne. Per dimostrarlo, il gigante del web ha messo a punto un tool che dovrebbe riuscire a convincere gli indecisi.

Il nuovo "servizio business" consente di valutare con precisione la risposta effettiva delle campagne condotte online, permettendo così di capire fino a che punto gli investimenti pubblicitari si rivelino vantaggiosi. Per mettere a punto questo strumento Yahoo ha stretto un accordo con Marketing Management Analytics (MMA). Il marketing online è decisamente affidabile, ma vi è ancora l'esigenza di comprendere il suo reale peso nelle vendite online e offline per un'allocazione ottimale del budget. Questo servizio permette di compiere un ulteriore passo verso questa direzione. Il servizio sarà a pagamento, e verrà commercializzato ad un "prezzo concorrenziale". Il cuore del sistema si basa su analisi econometriche che sfruttano una database di statistiche per dar vita ad un modello matematico applicabile a situazioni marketing in ambienti diversi.
Si tratta, praticamente, di un modello predittivo di vendita che mette in relazione più caratteristiche per stilare una sorta di ranking di efficienza pubblicitario.
Alla MMA si dicono certi che nel 2006 numerosi loro clienti aumenteranno le quote di investimento del settore della pubblicità online.
Jupiter Research, la scorsa settimana, ha confermato questo trend rilasciando i dati della sua ultima indagine sull'advertising online. Fino al 2010 si assisterà ad una crescita media annuale del 10%. Il mercato statunitense nel 2005 registrerà una crescita del 28% rispetto al 2004, sfiorando un fatturato di 11,9 miliardi di dollari. Nel 2006 si arriverà a 13,6 miliardi di dollari; mentre nel 2007 sarà superato il tetto dei 15 miliardi di dollari.
Essere capaci di effettuare una comparazione, fra media, degli investimenti pubblicitari permette non solo di valutare attentamente l'impatto finanziario di politiche marketing a lungo termine, ma anche di razionalizzare l'impegno economico.

posted by Andrea Signori @ 20.12.05   0 comments

lunedì, dicembre 19, 2005

Pulitzer apre anche alle pubblicazioni online


Il proliferare dei blog ha convinto gli organizzatori del più antico, prestigioso e noto premio per il giornalismo a prendere in considerazione anche la forma parallela del giornalismo tradizionale; ovvero quello online.
La Fondazione Pulitzer, infatti, fondatrice dei prestigiosi premi di giornalismo, ha deciso di aprire una sezione dedicata anche ai giornali online. Il nuovo modo di accedere alle news online, ha fatto si che il più famoso premio di giornalismo ha aperto la sua nicchia al giornalismo web. Ma come in ogni "club d'elite" che sperimenta strade alternative, non tutti sono d’accordo: non piacciono alcune posizioni troppo liberal di molti blog o di altri web journal, non piace, ai guru del giornalismo offline sedersi allo stesso tavolo di un qualsiasi "uomo della strada" che con il suo blog, ha per esempio, pubblicato un'inchiesta di rilevanza internazionale.

Molti però devono capire che questa è la modernità portata da internet: non più una conoscenza verticale, stratificata e monodirezionale giornalista-lettore, ma una conoscenza-condivisa che rende ogni singolo essere umano un'entità indipendente, atomizzata e protagonista del cambiamento.

posted by Andrea Signori @ 19.12.05   0 comments

Godado lancia il portale per la internet tv Telegodado.com


Il motore di ricerca Godado ha inaugurato il suo nuovo portale Telegodado. com, interamente dedicato alla web tv. La nuova web tv in chiaro del motore di ricerca è già fruibile online.
Su Telegodado si può quindi trovare una selezione dei migliori programmi televisivi trasmessi via internet e i relativi links per accedervi. In particolare la redazione segnalerà le trasmissioni
in chiaro delle principali emittenti televisive che trasmettono eventi sportivi di interesse internazionale. Ad aiutare il visitatore a fruire del servizio vi sarà un'interfaccia grafica innovativa di facile utilizzo e sarà possibile vedere le tv di tutto il mondo via internet.
Inizia a prendere forma ciò che fino a poco tempo fa era considerato un futuro troppo lontano; la possibilità di vedere la TV, scaricare un quotidiano o una rivista di un altro continente, comodamente a casa propria.

posted by Andrea Signori @ 19.12.05   0 comments

sabato, dicembre 17, 2005

Marketing relazionale: investimenti in crescita ma con scetticismo


L’istituto di ricerche Gfk-Eurisko, ha realizzato una ricerca finalizzata allo sviluppo di un settore come quello del marketing relazionale, in cerca di una consacrazione definitiva nel mercato della comunicazione italiana.
Innanzi tutto iniziamo con le definizioni: marketing relazionale (o di relazione) è una definizione utilizzata per meglio rappresentare tutte quelle attività che comunemente sono considerate below the line; utilizzata, piu che altro, per distinguerle dal mondo dell’above the line.
Per marketing relazionale si intende, dunque, l’insieme delle attività che puntano a sviluppare una relazione bi-direzionale con il cliente, mirando a massimizzare l’individual value. Il rapporto a cui punta la pubblicità classica è invece uni-direzionale e finalizzato alla costruzione del brand value.

La ricerca, consultabile sul sito di Assocomunicazione, ha avuto come elementi d’indagine: il direct marketing, le promozioni ed il web, avendo così la possibilità di monitorare le tre discipline congiuntamente. Nello specifico, ha preso in considerazione i top spender della pubblicità, ovvero le prime 1.000 aziende che in Italia investono in advertising classico.
L’iter di svolgimento dell’indagine è stato segmentato in due fasi:
una qualitativa, basata su 30 colloqui individuali condotti su clienti di direct marketing e/o promozioni e/o web marketing distribuiti tra gli operatori dell’industria tradizionale, dei servizi e delle nuova tecnologia;
una quantitativa, che ha raccolto le testimonianze dei responsabili delle decisioni di investimento della comunicazione e del marketing relazionale di 256 aziende, scelte tra quei 1.000 primi top spender.
Dalla ricerca emerge che la penetrazione delle discipline in questione presso le prime 1.000 aziende top spender è del 97%; dunque la quasi totalità delle aziende campione ricorrono al marketing relazionale.
Gli investimenti in marketing relazionale del campione preso in considerazione ammontano a 3.870 miliardi di euro (il budget destinato all’adv classico ammonta a 6.654 miliardi di euro), di cui 2.512 miliardi riservati alle promozioni, 698 milioni agli eventi, 427 milioni al direct marketing e 233 milioni al web marketing; quindi gli ultimi due sono maggiormente interessati da dinamiche espansive.
Risultano inoltre aumentati, nell’ultimo anno solare, gli investimenti destinati alle discipline in questione: +2% per le promozioni, +4% per gli eventi, +10% per il direct marketing e +15% per il web marketing.

In conclusione, emerge come gli utenti riconoscono il ruolo creativo e operativo delle agenzie specializzate, criticandone, però, i contributi propositivi e strategici che queste sono oggi in grado di fornire sottolineando come nel rapporto con i clienti manchi continuità e le relazioni sono spesso occasionali e non permettono di impostare strategie di lungo periodo.

I moderni sistemi di comunicazione devono quindi cambiare impostazione sull’approccio al cliente; gli uomini di marketing devono passare dall’era del costo-contatto a quella del contatto-qualità.
Un’evoluzione che non potrà che favorire il marketing relazionale, uno strumento adatto per coccolare il consumatore e farlo diventare un asset dell’impresa stessa.

posted by Andrea Signori @ 17.12.05   0 comments

Icecards: nuovo brevetto di viral marketing


Si chiamano Icecards e sono un innovativo strumento di marketing virale.
Si tratta di veri e propri biglietti da visita realizzati con il brand e con i colori dell'azienda di cui si è richiesto il "servizio".
Completamente gratuiti per i consumatori, che acquistano così il ruolo di "brand ambassadors", le Icecards rappresentano una nuova sfaccettatura del marketing moderno.
In Italia la prima azienda che ha affiancato Icemedia, la società olandese che ha inventato il brevetto, nel lancio del prodotto è la Puma che ha affidato alle Icecards il lancio di due profumi, Puma White Man e Puma Red Woman, della linea Puma Fraganze.
Il funzionamento è semplice: attraverso il sito dedicato alla community di Puma Fraganze (www.come-closer.it) i giovani possono ordinare le contact cards e in pochi passi si personalizzano i biglietti con i propri dati. In seguito, nel giro di due settimane, si ricevono gratuitamente a casa, pronte per essere scambiate come strumento di socializzazione con altri ragazzi. Chiunque, poi, viene in possesso di una Icecards, può richiederla, a sua volta, gratuitamente recandosi sul sito dell'iniziativa e scegliendole in base al gusto personale innescando così il meccanismo virale che porta alla diffusione del messaggio.
Unico neo è che Icecards rappresenta uno strumento di viral marketing per brand consolidati indirizzati ad un target principalmente di giovani e giovanissimi, "volenterosi" di affiancare il loro nome a quello di un brand di valenza internazionale.

posted by Andrea Signori @ 17.12.05   2 comments

venerdì, dicembre 16, 2005

Co brand: ennesimo esempio


In preda ad una crisi forse oramai senza fine, le compagnie aerei nostrane si vedono costrette a reinventari continuamente.
Una pesante politica di benchmarketing costringe queste aziende "con le ali" a copiare, nel vero senso della parola, le politiche di rilancio delle compagnie rivali. I problemi economici e i bilanci ridotti all'osso costringono i marketers a ricorrere all'ovvio invece di provare ed investire in qualche politica più innovativa ed aggressiva. E' così che, ad oggi, tutte le compagnie aeree stanno ricorrendo "all'uso" del co-brand.

E' di ieri la notizia riguardante il contratto siglato tra il Gruppo Volare e la rivista italiana di viaggi, vini e sapori Vie del Gusto per la distribuzione del mensile su tutti i voli di breve raggio Volareweb.com e di lungo raggio di linea e charter AirEurope.

posted by Andrea Signori @ 16.12.05   0 comments

giovedì, dicembre 15, 2005

Veleggia con TIM


Oramai è un must per le aziende crearsi un sito viral, aprirsi un blog per poter favorire la comunicazione interna ed esterna oppure, cavalcando la moda del brand gaming, creare un sito dove poter giocare con qualche personaggio attinente il brand di riferimento.

Notevole in questo caso è l'esempio di TIM che in occasione dello svolgimento della Coppa America di vela in acque europee, per creare brand loyalty intorno Luna Rossa (barca sponsorizzata TIM) ha creato "Veleggia online".
Il gioco è semplice ma piacevolissimo; ci si collega con TIM.it si cerca il link "Veleggia online", si inserisce l'indirizzo mail sul quale si desidera ricevere la password ed una volta scelto il nome che si vuole della barca si è pronti a veleggiare.

Due sezioni conpongono il sito: allenamento e match race.
Il primo è per i novizi, per prendere dimestichezza con l'interfaccia grafica e con i vari controlli. Il secondo è per chi ha la vela nel sangue.
Una volta scelta la stanza in cui entrare (i nomi sono ovviamente ed intelligentemente correlati al mare ed ai vecchi "lupi di mare": Magellano, Colombo, Vasco de Gama etc) si sceglie un tavolo e si aspetta un amico o chiunque abbia voglia di gareggiare.
La regata in sè è molto lineare ma accattivante, ci sono le penalità, le precedenze, i venti che cambiano e le raffiche; veramente ben fatto.
Per chi ama il mondo della vela questo brand game sta avendo un notevole successo, tanto che c'è una classifica a punti dove sono presenti ad oggi, 1100 utenti.

Una intelligente politica di marketing che segnerà sicuramente il passo e rimarrà nella storia.

posted by Andrea Signori @ 15.12.05   0 comments

venerdì, dicembre 09, 2005

Made in USA

L'advertising come lo conosciamo oggi nasce e si sviluppa nella terra "a stelle e strisce". Ciò che vi mostro di seguito è una minima panoramica di cosa intendono gli americani per pubblicità dinamica e per outdoor advertising. Certo noi europei analizziamo e metabolizziamo in maniera diversa i messaggi lanciati dalle pubblicità, ma credo che una campagna di pubblicità dinamica simile agli esempi qui sotto riportati da presentarsi in Italia avrebbe sicuramente notevole risonanza.

posted by Andrea Signori @ 9.12.05   0 comments

Mazda esempio di Marketing Ambientale



La Mazda ha intrapreso un lodevole piano di marketing ambientale per i propri dipendenti: incentivi e premi in denaro per coloro i quali si recano al lavoro a piedi.
Il corrispettivo in denaro è ovviamente di minima entità, comunque sia è da rimarcare un progetto tale per un'azienda automobilistica di respiro internazionale che in fin dei conti propone una politica, potenzialmente, suicida per il suo settore "merceologico".
La positività di tale progetto sta nel fatto che non si vuole "comprare" il lavoratore con del denaro o costringerlo a compiere un'azione forzata, ma sensibilizzarlo verso la problematica ambientale.

posted by Andrea Signori @ 9.12.05   0 comments

pubblicità geniale


Questa è l'outdoor advertising studiata da Ogilvy & Mather Hong Kong per "The Economist".

Una sistemazione difficile; un'idea eccellente.

posted by Andrea Signori @ 9.12.05   0 comments

Marketing-machines: ovvero dai preservativi ai telefonini


I marketer, si sa, pensano e vengono pagati per studiare innovativi e maggiormente remunerativi canali di vendita.
Le compagnie telefoniche, divenute le banche di questa generazione post-modernista, hanno i maggiori budget da investire e quindi i migliori uomini di marketing a libro paga.

E' di pochi giorni fa la notizia dell'installazione a Manchester da parte della Vodafone di due Vodafone QuickPhone, ovvero due distributori automatici di telefonini corredati di Sim (nello specifico sono acquistabili tre tipi di cellulari a partire da 30£).

La sostituzione dei modelli da parte della Casa avviene mensilmente così da consentire agli "avventori" di assaporare continuamente le novità del mercato.

Dello stesso periodo è l'installazione da parte di Zoom Shop presso l'aereoporto di Atlanta del distributore automatico di iPod; tale macchinario è' collegato via gprs o umts alla centrale per la gestione del magazzino e il monitoraggio del suo funzionamento, perciò riduce al minimo l'utilizzo di personale.

Quindi alcuni brand sono così forti ed allettanti per gli utenti da potersi permettere una tale distribuzione, ma quello che mi chiedo è: se una cosa del genere venisse installata in Italia chi bisogerebbe chiamare per proteggere i distributori ed il loro preziosissimo "contenuto"?

posted by Andrea Signori @ 9.12.05   0 comments

lunedì, dicembre 05, 2005

Smart Advertising

La campagna pubblicitaria della Lakudia Oil.

Geniale. No comment!

posted by Andrea Signori @ 5.12.05   0 comments